August 2017
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
31 1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31 1 2 3

Login

Password dimenticata? Nome utente dimenticato?
The best web hosting reviews updated with new hosting providers. HostGator Reviews ratings and coupon codes.

Il Progetto MESHARTILITY

Il progetto MESHARTILITY (Measure and share data with utilities for the Covenant of Mayors – Misurazione e condivisione di dati con le utilities per il Patto dei Sindaci) mira allo sviluppo di soluzioni e strumenti che facilitino lo scambio di dati energetici tra imprese produttrici di energia e autorità locali, i quali sono impegnati nella valutazione locale dei gas a effetto serra (GHG) e la pianificazione di azioni per affrontare tale questione attraverso il risparmio energetico, l'efficienza energetica e l'utilizzo di energie rinnovabili. Queste soluzioni e strumenti aiuteranno le città, che sono firmatarie del Patto dei Sindaci, a sviluppare i loro Piani di Azione per l'Energia Sostenibile (SEAP).

Problemi da affrontare riguardo alla raccolta dati energetici:

  • "proprietà" dei dati
  • Modalità di accesso fino ad oggi
  • qualità dei dati
  • aggiornamento regolare dei dati
  • approccio (se presente) ad una correlazione dei dati top-down e bottom-up

Il Patto dei Sindaci è il principale movimento europeo che coinvolge volontariamente autorità locali e regionali, le quali si impegnano a aumentare l'efficienza energetica e l'uso di fonti di energia rinnovabili sul loro territorio. Con il loro impegno, i firmatari del Patto mirano a soddisfare e superare l’obiettivo dell’Unione Europea di riduzione delle emissioni di CO2 del 20% entro il 2020.

Al fine di tradurre il loro impegno politico in misure e progetti concreti, i firmatari del Patto si impegnano a preparare un inventario base delle emissioni e a sviluppare e implementare un Piano di Azione per l'Energia Sostenibile che illustra le principali azioni che intendono intraprendere.

Maggiori informazioni su questa ambiziosa iniziativa bottom-up sono disponibili all'indirizzo: www.eumayors.eu

Al fine di sviluppare un SEAP di successo o un simile programma locale connesso alle energie è necessario disporre di dati dettagliati sulla produzione e sul consumo di energia nel territorio del comune. In questo modo è possibile identificare quali settori causano i maggiori problemi in termini di gas serra rilasciati, e determinare in quali settori la transizione all'energia sostenibile può essere implementata. Questo consentirà di pianificare le azioni e le misure efficaci nelle pratiche di governo locale e dell'intera comunità.

La possibilità di accedere a dati energetici affidabili consentirà inoltre ai comuni di monitorare l'efficacia delle strategie e dei piani attuati. Questi dati sono di solito generati dai produttori di energia e dai fornitori (che offrono il servizio di energia ai clienti). Essi sono spesso riluttanti a fornire informazioni sulla produzione e consumo di energia a causa della protezione dei dati dei consumatori, per paura della concorrenza, ecc.

Eppure, i dati necessari per BEI e SEAP non dovrebbero essere relazionati a tali problemi. Perché? I governi locali hanno bisogno di dati aggregati, ancor meglio se per settore - non dati disaggregati per ogni consumatore. Hanno bisogno i dati per questioni di governance, e li possono trattare con riservatezza, se richiesto. Pertanto è necessario sviluppare soluzioni e strumenti che facilitino la condivisione dei dati energetici tra imprese produttrici di energia e enti locali, in modo tale da creare una situazione win-win per entrambe le parti.

Le sfide descritte saranno affrontate dal progetto MESHARTILITY,cofinanziato dal Programma EIE, attraverso queste modalità:

  • esplorare i modi per migliorare la cooperazione tra i comuni, le loro strutture di supporto (ad esempio, Coordinatori e Sostenitori del Patto) e utilities per una pianificazione energetica più efficace;
  • la creazione e l'attuazione di un regime di sistematica collaborazione tra le amministrazioni locali e utilities;
  • lo sviluppo, l'attuazione e il monitoraggio dei SEAP sulla base di dati affidabili in 72 comuni selezionati in 12 paesi;
  • rendere i risultati ampiamente disponibili, comprese le buone pratiche in materia di condivisione dei dati.

Risultati attesi:

  • Report di analisi sullo stato a livello di Unione europea e di 12 quadri giuridici nazionali in materia di condivisione dei dati.
  • Risultati del sondaggio sulle pratiche di condivisione dei dati in tutta Europa.
  • Supporto e opuscolo informativo riguardo al controllo dei dati della comunità a livello comunale.
  • 72 comuni supportati nello sviluppo dell'inventario delle emissioni di CO2 con dati affidabili.
  • Almeno 144 azioni attuate dai comuni (2 azioni per SEAP).
  • piani di investimento sviluppati in tutte le aree di progetto.
  • canali finanziari per l'attuazione dei SEAP.
  • Una media di 5 milioni di € di investimenti attivati in ciascun settore di progetto entro la fine del progetto (circa 65 milioni di €).
  • Esperienze e lezioni ampiamente condivisi per sostenere e motivare gli altri.

Chi sono i beneficiari?

Il progetto MESHARTILITY si rivolge a comuni, fornitori di energia e le loro associazioni nei 12 paesi coinvolti dal progetto (Bulgaria, Croazia, Cipro, Estonia, Germania, Italia, Lettonia, Malta, Polonia, Romania, Slovenia, Spagna). Essi possono svolgere diverse attività, tra cui:

  • contribuire a una migliore comprensione dell'UE e dei quadri nazionali, condividendo la loro esperienza in:
    • due tavole rotonde UE,
    • diverse tavole rotonde nazionali / regionali in ogni paese del progetto,
  • la compilazione del questionario che esplora pratiche correnti relative alla condivisione dei dati,
  • la condivisione di buone pratiche esistenti in materi dia: condivisione dei dati, cooperazione tra le amministrazioni locali e aziende di fornitura energetica, sviluppo dei SEAP sulla base di dati affidabili.

 

Logo IEELa responsabilità per il contenuto di questo sito è degli autori. Esso non riflette necessariamente l'opinione dell'Unione Europea. Né l'EASME né la Commissione Europea sono responsabili per l'uso che potrebbe essere fatto delle informazioni in essa contenute.