July 2018
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
25 26 27 28 29 30 1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31 1 2 3 4 5

Login

Password dimenticata? Nome utente dimenticato?
The best web hosting reviews updated with new hosting providers. HostGator Reviews ratings and coupon codes.

Predappio con i cittadini per il PAES

12 February 2014

Lo scorso venerdì 7 febbraio l’amministrazione comunale di Predappio, confermando il proprio impegno verso lo sviluppo sostenibile del territorio, ha presentato nella sala del Consiglio Comunale il proprio percorso partecipato verso il Piano di Azione per l’Energia Sostenibile (PAES), fondamentale strumento di programmazione del territorio all’interno del percorso del Patto dei Sindaci, al quale il Comune ha aderito nel 2012.

predappio_rocca

L’incontro aveva l’obiettivo di coinvolgere la cittadinanza per ricevere suggerimenti, sollecitazioni, auspici e volontà su questo importante tema, proprio alla green economy.

La Sala Consiliare, gremita di rappresentanti delle associazioni, cittadini e tecnici, ha visto l’introduzione del Sindaco Giorgio Frassineti sullo stato dell’arte del “Patto dei Sindaci” e sul progetto UE Meshartility co-finanziato dalla Commissione Europea (Programma “Intelligent Energy Europe”) di cui il Comune è partner. In seguito, l’ing. Francesco Marinelli e l’arch. Dea Biondi hanno avviato una proficua discussione sulle fasi di lavoro a venire.

E’ stato quindi evidenziato come, a fronte di una attività di progettazione partecipata, verrà di nuovo sottoposta ai cittadini la proposta di azioni capaci di portare la comunità locale a conseguire i risultati della “Strategia 20-20-20”, per verificarle congiuntamente prima di introdurle nella proposta di PAES (documento che poi dovrà poi essere approvato in Consiglio Comunale).

E’ stato illustrato il processo attraverso cui il PAES verrà prodotto, con l’intento di promuovere l’economia locale in un’ottica di green economy: per questo sarà fondamentale l’attivazione delle imprese locali e delle loro associazioni nel pianificare ed evidenziare le azioni utili a potenziare il risparmio energetico, l’efficienza energetica e l’utilizzo di energie rinnovabili a livello comunale. Tra i molteplici interventi e suggerimenti, da segnalare l’evidenziazione da parte del rappresentante di CNA Forlì a proposito di un importante protocollo di intesa sottoscritto con i Comuni del Forlivese sul tema della rigenerazione urbana.

Il PAES di Predappio è un documento articolato, suddiviso in due principali sezioni: la prima in cui viene esplicitato l’Inventario Base Emissioni(BEI – Baseline Emissions Inventory), vale a dire la quantità di CO2 prodotta a livello comunale dal comparto pubblico-privato; la seconda, che fissa le azioni attraverso cui abbattere tali emissioni del 20% entro il 2020.

La redazione del PAES è stata possibile grazie alla collaborazione, in maniera sinergica e proattiva, degli uffici comunali con i tecnici dell’Associazione Borghi Autentici d’Italia, i quali hanno facilitato il lavoro a livello locale attraverso strumenti messi a disposizione dal partenariato europeo del progetto Meshartility.

Il Comune di Predappio, dunque, con la prossima approvazione in Consiglio Comunale del PAES, si proietta nel gruppo di Comuni europei virtuosi capaci di rispettare gli impegni presi a livello europeo attraverso la sottoscrizione del Patto dei Sindaci.

Il passo seguente consisterà nella realizzazione di alcune azioni pilota contenute all’interno del PAES: gli uffici comunali e i tecnici dell’Associazione Borghi Autentici d’Italia saranno dunque nuovamente impegnati per tradurre in azioni concrete gli impegni presi dall’Amministrazione Comunale di Predappio attraverso il PAES.

Per informazioni e approfondimenti visita il sito ufficiale di Meshartility, il sito del Patto dei Sindaci e la sezione del sito BAI dedicata al progetto Meshartility.

 

Logo IEELa responsabilità per il contenuto di questo sito è degli autori. Esso non riflette necessariamente l'opinione dell'Unione Europea. Né l'EASME né la Commissione Europea sono responsabili per l'uso che potrebbe essere fatto delle informazioni in essa contenute.